Le prime pagine (pdf)

Marco Porcella
La fatica e la Merica

Collana: Biblioteca del Grifo
Formato: 15x21 cm
Pagine: 256
Prezzo: € 16,50
Isbn: 978-88-94851-18-2
 

Sandro Antonini
Brigata Coduri

Sandro Antonini
Guerra civile

Sandro Antonini
Io, Bisagno...

Sandro Antonini
Tigullio giorno e notte

Sandro Antonini, Barbara Bernabò
I Magnifici a Sestri Levante/a>

Mauro Baldassarri
Monumenti di carta

Francesco Baratta, Giuseppe Boccoleri
L'insediamento di un'industria
siderurgica nel levante ligure
agli inizi del novecento

Giordano Bruschi
Quelli dei comitati

Vittorio Civitella, Elvira Landò Gazzolo
Madri di guerra. Lettere a Natalia

Marco Fantasia
Una storia sorridente

Dario G. Martini
Genovesi malelingue

Giulia Oneto
Leivi ieri

Marco Porcella
La fatica e la Merica

Giuseppino Stevané, Sandro Antonini
I padroni del vapore

Giorgio Getto Viarengo
Chiavari

Giorgio Getto Viarengo
Il naufragio del Sirio

Giorgio Getto Viarengo
Il ramarro e la sua coda

Luigi Vinelli
Benedetto XV costruttore di pace

Luigi Vinelli
Fortunato Vinelli

Luigi Vinelli
Portofino

Albino e Gianandrea Zanone
Luci e ombre a Sopralacroce

Marco Porcella

La fatica e la Merica

Legato alla gente della sua terra, di cui conosceva bene, per esperienza diretta, tradizioni e mentalit√†, oltrech√© appassionato cultore di storia, Marco Porcella (1935-2001) intraprese il lavoro di ricerca confluito in questo libro non solo per interesse di studioso ma anche ‚Äď e forse soprattutto ‚Äď allo scopo di rendere giustizia con le armi della documentazione storica ai contadini dell'entroterra del levante ligure, denigrati come "razza semibarbara", sfruttati o semplicemente dimenticati.

In un secolo XIX di trasformazione capitalistica del territorio, essi trovarono nell'emigrazione uno strumento per poter sperare in una vita migliore: il fenomeno continuò fino a tutta la prima metà del secolo successivo. Alcuni realizzarono i loro sogni, molti tornarono poveri come erano partiti.

In primo piano anche le vicende degli insorgenti antinapoleonici Viva Maria in Liguria, della famiglia Cereghino, suonatori girovaghi accusati di eresia da cattolici fanatici capeggiati da un parroco esaltato, del progressivo affermarsi dell'estrazione dell'ardesia e della conseguente necessità di strade per il trasporto dei materiali, dei bambini di famiglie povere "affittati" o venduti a trafficanti senza scrupoli che li portavano a mendicare in giro per l'Europa e spesso avviati alla prostituzione.