Il primo capitolo del libro (pdf)

Giovanni Rocca
Contratto per un viaggio
Io... tra mare e cielo

Collana: I Portici
Formato: 12x19 cm
Pagine: 302
Prezzo: € 15
Isbn: 978-88-95952-79-6
 

G.B. Canepa ("Marzo")
La nonna era genovese

Umberto Vittorio Cavassa
I giorni di Casimiro

Mauro Alfredo Colace
Mantovani. Il sogno e la realtà

Mauro Alfredo Colace
Nessuna speranza

Carmelo Conforto
Onde

Nicoletta De Bellis
Fa' che non sia femmina

Ippolito Edmondo Ferrario
Miracolo a Castelvecchio di Rocca Barbena

Paolo Fiore
Pascolare il vento

Barbara Garassino
Passi fra le ombre

Giorgio Grosso
Da grande voglio fare l'astronauta

Lorenzo C. Loik
Lo psiconauta. Sballo in riviera

Lorenzo C. Loik
I sogni in bianco e nero di Jacopo Rabbi

Lorenzo C. Loik
Sullo specchio dell'ascensore noto sempre dei puntini bianchi

Anna Lajolo, Guido Lombardi
Bella è la luce del giorno

Guido Lombardi
Le storie che noi siamo

Guido Lombardi
Andiamo a vedere il mare

Guido Lombardi
Acqua dolce

Maurizio Pasqui
Due ruote, due matti, una tenda

Giovanni Rocca
Contratto per un viaggio

Franca Sira Sulas
Le rose del Bosforo

Edoardo Torre
I gatti rossi

Giovanni Rocca

Contratto per un viaggio

Io... tra mare e cielo

Contratto per un viaggio è la cronaca di una prima esperienza lavorativa sul mare: un imbarco previsto di breve durata ma che si trasforma in un avventuroso viaggio durato due anni.

È l'inserimento di un giovane neodiplomato in un ambiente difficile sia per l'aspetto dei rapporti interpersonali, sia della fatica fisica e delle forze avverse della natura.

A ciò si aggiungano le cattive condizioni dell'Orione, nave da carico realmente esistita e co-protagonista del racconto, residuato bellico della marina statunitense, continuamente in movimento tra porti di vari continenti.

Il testo, essenzialmente autobiografico, descrive l'iniziazione e la trasformazione del giovane che dai dubbi, i timori e le incapacità iniziali, acquista, giorno dopo giorno, fiducia e consapevolezza delle proprie potenzialità.

Poiché i fatti descritti sono realmente accaduti, trattasi anche di una testimonianza relativa alle condizioni di vita di bordo nei primi anni del dopoguerra, un documento scritto da chi ha effettivamente vissuto sul mare, uno squarcio realistico di ciò che era la vita su una nave da carico. Nel caso specifico un'esperienza spersonalizzante in un ambiente con disciplina peggiore di una dura caserma.

Le tempeste, le lunghe bonacce, il senso di smarrimento che dà l'oceano sconfinato, i luoghi lontani da casa, i visi sconosciuti fanno sentire il protagonista piccolo e solo in balia di una nave che improvvisamente potrebbe rivelarsi estremamente fragile.

Numerosi sono quindi i motivi di interesse alla lettura. Non ultime alcune pagine relative all'ambiente portuale e al borgo ligure di provenienza del protagonista (borgo che potrebbe facilmente riconoscere chi ha dimestichezza con la Riviera di levante).

Per una più facile comprensione è inserito un glossario oltre a notizie tecniche e storiche, relative alla particolare tipologia di navi da carico (le c.d. "Liberty ship" che tanta parte hanno avuto nella seconda guerra mondiale) cui l'Orione apparteneva.
 

Giovanni Rocca, laureato in economia marittima, è nato e vive in Liguria a pochi chilometri da Chiavari. Diplomato Capitano di lungo corso all'Istituto nautico di Camogli, è imbarcato giovanissimo, iniziando con una qualifica poco superiore al mozzo, e ha navigato, per oltre dieci anni, su navi mercantili in qualità di ufficiale di coperta.
Abbandonata la vita sul mare, ha prestato la propria opera presso un importante Ente no-profit con compiti di insegnamento, coordinamento e organizzazione.
Attualmente impegnato nel volontariato, è autore di ricerche in ambito socio-occupazionale e di articoli su periodici locali.