Giancarlo Taggiasco
Lode alla vita

Collana: Stelle vagabonde
Formato: 15x21 cm
Pagine: 92
Prezzo: € 10
Isbn: 978-88-95952-71-0
 

Lorenzo Beccati
Niente monete nelle fontane

Francesco Brunetti
Il volo di una piuma

Francesco Brunetti
Strane idee sul volo di una piuma

Viviane Ciampi
Le ombre di Manosque

Mauro Alfredo Colace
Poesie e prose brevi

Luciano Delucchi
Hammerfest

Antonmaria Graffigna-Marlatto
Pura heredera del día destruido

Elvira Landò
Note e notte

Letizia Panarello, Francesco Chierici
La musica dentro

Luca Scaramuccia
Memorie di una realtà sintetica

Giancarlo Taggiasco
Lode alla vita

Ercole Tebano
'A frascère

Giancarlo Taggiasco

Lode alla vita

Poesie

"Lo sguardo di Giancarlo sulla vita è sempre positivo, anche quando non può essere sorridente, anche quando la tristezza stringe il cuore. Ciò è evidentissimo in queste poesie – così come nei quadri che dipinge.

L'amore per la poesia risale agli anni giovanili, ma solo recentemente ha trovato espressione tale da poter dar vita a una raccolta, la cui pubblicazione risponde non al desiderio di mettere in mostra narcisisticamente se stesso, ma all’esigenza di condivisione del proprio mondo interiore con quanti siano disposti a farlo: in semplicità di cuore. La stessa con la quale sono stati scritti questi versi".

Goffredo Feretto
 

Giancarlo Taggiasco è nato a Chiavari nel 1946. Fin da piccolo ha avuto una educazione musicale; ha studiato prima la fisarmonica, successivamente la chitarra. Giovanissimo ha cominciato a scrivere poesie e racconti e si è dedicato al disegno e alla pittura, attività che non ha mai abbandonato anche quando, dopo la laurea in Scienze politiche ad indirizzo economico, è entrato a lavorare in un istituto bancario.
Tra i tanti amori i temi economici, particolarmente la vita dell'impresa che lo ha sempre interessato e della quale ha avuto la fortuna di potersi a lungo occupare a contatto con la realtà aziendale ligure.
Alcuni appunti di viaggio – scritti a Londra durante le vacanze estive mentre frequentava liuniversità – sono apparsi sul Corriere Mercantile, successiva è una collaborazione con Il Secolo XIX del non dimenticato Federico Canale.
È prima volta che pubblica una raccolta di poesie.