Francesco Isetti
Celebrare l'Eucaristia
Le 'Orazioni-collette'. Norma e forma della Chiesa in preghiera

Collana: Biblioteca dello spirito
Formato:
Pagine: 32
Prezzo: € 5
Isbn:
 

Giuliana Algeri
La basilica della Madonna dell'Orto

Francesco Baratta
Sciü Prevostu

Francesco Baratta
Sulle note della grazia

Barbara Bernabò | Rosella Bruschi
La manifestazione della Madonna dell'Orto: testimonianze e documenti

Gianlorenzo Borzini
Sorpreso da te, sorpreso da tutto

Paolo Gennaro
Storia della chiesa di San Giacomo di Rupinaro in Chiavari

Paolo Gennaro
Storia della chiesa di San Giovanni Battista

Paolo Gennaro
Storia della chiesa di San Michele in Ri Alto

Giorgio Getto Viarengo
Chiavari. Nostra Signora dell'Orto

Francesco Isetti
Celebrare l'Eucaristia

Francesco Isetti
Liturgia. Scuola della fede

David Steindl-Rast
Il cuore in ascolto

David Steindl-Rast
La musica del silenzio

Enrico Rovegno
Avvocata nostra. Azione teatrale sulla storia d'amore fra la Madonna dell'Orto e la sua città

Fabio Torri
Andiamo a messa. Parole e gesti della cena del Signore

a cura di Alessandro Zucchi
Don Giovanni Boicelli. Le opere della fede

Autori Vari
Rosario biblico con Giovanni Paolo II

Francesco Isetti

Celebrare l'Eucaristia

Le 'Orazioni-collette'. Norma e forma della Chiesa in preghiera

Un testo prezioso per chi voglia comprendere, celebrare e vivere più consapevolmente la liturgia eucaristica.

Già nel "Messale Romano" - promulgato da S. Pio V nel 1570 - nel contesto della celebrazione Eucaristica erano contenute tre particolari orazioni-collette riferite ad alcuni importanti passaggi rituali: 1) l'orazione-colletta al termine dei riti di introduzione; 2) l'orazione sulle offerte (secreta) prima dell'inizio delle solenne Prece Eucaristica; 3) l'orazione (postcommunio) alla conclusione della celebrazione.

Nella teologia liturgica del Messale di Paolo VI attenzione particolare è stata dedicata a queste orazioni, che non solo sono state aumentate di numero perché corrispondessero meglio alle nuove necessità dei tempi, ma sono state riprese anche a quelle più antiche (cfr. Cost. Apostolica Missale Romanum).

Di fatto la valorizzazione e l'arricchimento che l'orazionale del Messale di Paolo VI presenta rispetto al messale precedente, oltre all'aumento numerico delle orazioni che risultano più del doppio, consiste nel maggiore e più ampio recupero di orazioni patristiche tratte dagli antichi sacramentari della tradizione ecologica della Chiesa latina.

Le orazioni del messale romano contengono di norma tutti gli elementi dell’eucologia cristiana: l'invito alla preghiera - il ricordo delle opere salvifiche di Dio - la lode e rendimento di grazie - la santificazione dei doni ricevuti e/o offerti - la supplica - la dossologia mediazione Trinitaria o Cristologica - l'Amen (come adesione della assemblea celebrante).

L'Autore mette qui in chiara luce come nel rito romano le orazioni costituiscano uno dei passaggi importanti dell'azione liturgica anzi, rispetto ad altre liturgie (ad es. i Tropari della liturgia bizantino-slava), ne manifestano una caratteristica propria. In effetti, attorno alla grande Prece eucaristica, nelle sue diverse formulazioni, le tre orazioni-collette variabili ne attualizzano il tema e supportano il ritmo della celebrazione.

Queste orazioni costituiranno poi, per ogni battezzato, una proposta di ispirazione per la guida e l’accompagnamento orante dell’intera giornata; non è infatti casuale che la prima orazione-colletta sia indicata, di norma, come orazione quotidiana nella celebrazione delle Ore.
 

Francesco Isetti: Sacerdote della diocesi di Chiavari, direttore dell'Ufficio liturgico diocesano e dell'Ufficio per l'arte sacra e i beni culturali. Già membro della Consulta liturgica C.E.I., è docente di Teologia liturgica presso l'Istituto diocesano di Scienze Religiose "Mater Ecclesiae".